venerdì 5 giugno 2009

Cronache olandesi

Oggi e' stata una giornata intensa, ma alla fine ce l'ho fatta e sono andata a votare. Le urne sono state aperte dalle 7:30 del mattino fino alle 9 di sera. Il posto dove ho votato e' proprio dietro casa mia. La gente entrava e usciva dal seggio velocemente. Niente lungaggini burocratiche, neanche per me che ero straniera. Hanno controllato il passaporto, mi hanno dato la scheda e mi hanno indicato la cabina, che non e' una cabina come da noi. Dove votavo io in Italia entravi nella cabina e dentro potevi anche fotografare la scheda col cellulare, oppure decorarla con disegnini pornografici ed insulti a questo o quel candidato.  Qui invece le cabine sono aperte, giusto due pannelli di lato, il muro di fronte, una mensola e dietro di te quelli del seggio.

Si poteva esprimere un solo voto di preferenza, rimpiendo il cerchietto corrispondente con una matita rossa. Ho fatto tutto in due secondi. La scheda l'ho infilata in un bidone grigio scuro sigillato, come quelli che in molti posti si usano per la spazzatura.

Un minuto dopo l'orario di chiusura stavano gia' dando le proiezioni in TV. La coalizione al governo e' scesa di parecchio, mentre la destra xenofoba ha avuto un successone. Il partito del miracolo si chiama PVV, che sta per partito della liberta' (yes, anche qui). Non un vero partito con assemblee e votazioni interne (suona familiare, eh?) ma solo un paio di stronzi che non trovano di meglio da fare che insultare l'islam e provocare tutti con le loro uscite quotidiane. La tattica evidentemente ha funzionato. Wilders (io lo chiamo lo scorfano) sta gia' chiedendo le elezioni anticipate. Solo poche settimane fa tutti discutevano animatamente di un ''cordone sanitario'' contro di lui: era evidente che nessuno avrebbe mai voluto far parte di una eventuale coalizione di governo in cui ci fosse pure lui. Speriamo che nessuno cambi idea al riguardo. Se si votasse ora potrebbero essere dolori. Wilders fa veramente cagare.

La buona notizia e' che Groen Links e SP (i verdi e i socialisti) sono in crescita. La Sargentini ha avuto un bel successo anche lei. L'altro giorno era in TV a parlare della iniziativa in difesa della liberta' di stampa in Italia di cui parlavo prima. Questa e' l'Europa che piace a me. Auguri Judith.

8 commenti:

  1. già e anoi invece tocca quello lì.

    RispondiElimina
  2. Poi non capisco il perche' in Italia si possono esprimere piu' preferenze.
    Basterebbe cambiare questo per impedire a papi di fare piazza pulita...

    RispondiElimina
  3. io pensavo quasi di non andare
    c'è una tale malinconia, rabbia e delusione in me...
    ciao

    RispondiElimina
  4. Certo che in olanda i partiti dell'estrema destra sono odiati ma raccolgono sempre successi insperati, pur portando avanti idee xenofobe, omofobe ecc.. che sembrano contrastare con l'immagine dell'olanda che abbiamo qui. Razzismo strisciante?

    RispondiElimina
  5. @Caterina: capisco il tuo sconforto, proprio per quel tipo di rabbia ho deciso di votare per gli olandesi invece che per gli italiani. E' stato un voto utile, perche' almeno ho contribuito a far eleggere qualcuno.
    In Italia bisogna votare come sempre per il meno peggio. Non so se cambiera' qualcosa, la sinistra e'ormai un malato terminale, ma penso che bisogna provarci.
    @Angelo, in Olanda come altrove i messaggi semplici hanno molta presa sulle menti semplici, e anche qui la sinistra e' un po' appannata. I messaggi anti-islam e anti-immigrati funzionano anche perche' le notizie sono piene di episodi di violenza in cui i responsabili sono i giovani "marocchini" o "turchi". L'Olanda tiene molto alla sua immagine di paese tollerante, ma se qualcuno fa appello alle sue tradizioni anche culturali molti abboccano. L'integrazione ha parecchia strada da fare, anche se credo che qui vada complessivamente molto meglio che in Italia. Le mie previsioni per il lungo periodo sono che se ne verra' a capo, e che un ruolo importantissimo giocheranno le giovani donne figlie di immigrati, dunque la prima generazione nata in Olanda.
    Nel breve periodo non so. Probabilmente Wilders avra' un analogo successo alle prossime politiche. Ma non credo che qualcuno accettera' di fare una coalizione con lui. E francamente non credo che la regina si prenderebbe la responsabilita'di dargli un incarico.

    RispondiElimina
  6. Ecco la differenza! In olanda questa gente raccoglie consenso, ma rimane comunque isolata...In italia la lega è al governo.

    RispondiElimina
  7. si bisogna provarci..infatti andrò domani..
    non si può mollare
    ciao

    RispondiElimina
  8. Sgrunf!!!! qualcosa non va con il mio login, e oggi ho veramente poco tempo. Se digito la mia password mi rimanda ad un altro blog che aveveo aperto e mai usato perche'credevo non funzionasse. del mio (angelinablogblog) si sono perse le tracce. Riprovero'da casa, e intanto provo dall'altro (angelinablog).
    A (spero) presto.

    RispondiElimina