martedì 20 ottobre 2009

Oggi sulla lavagna


Sono giornate un po’ piene,  ma ho alcune cosette da scrivere comunque sulla lavagna:


 


1)il ministro Tremonti si e’ accorto che la flessibilita’ in Italia non va bene.  Meglio tardi che mai. Si sara’ reso conto che non tutti si chiamano Piersilvio, e che non tutte fanno le escort, in Italia.  Tra parentesi, non e’ che in altri posti la flessibilita’ all’italiana vada bene: in altri posti i lavoratori hanno diritti, che in Italia qualcuno ha voluto cancellare. Adesso, anche grazie a questo, abbiamo un paese in ginocchio. Il ministro Brunetta persevera. E’ uno piu’ alto che popolare, infatti. Contento lui.



2)Lo so, mi ripeto, ma io penso che escort, mignotte e affini non siano necessariamente donne: basta guardare ai sedicenti giornalisti Mediaset, quelli del video del giudice, per intenderci.  Adesso vogliono invitare il giudice per “chiarire”. Il che vuol dire che fuiziona cosi’: noi mandiamo un servizio mafioso, tutti protestano, allora noi diciamo che siamo stati fraintesi, e che il giudice puo’venire a chiarire, cioe’che puo’ andare a farsi processare in TV.


Scommetto che nonostante la flessibilita’ questi qui prendono un sacco di soldi.  Mi ricordano tanto gli stuoini della FOX TV, quelli che qualsiasi cosa facesse Giorgino, loro erano sempre d’accordo e trovavano sempre una ragione per giustificare l’ingiustificabile.



3)Quelli del giornale di casa Berlusconi hanno pensato bene di buttare un po’ di merda su uno che il suo lavoro lo sa fare: questa volta si tratta di Augias. Con una storia che definirla ridicola sarebbe riduttivo. Augias sarebbe una spia al servizio del KGB, un po’ come Prodi ai tempi del duo Guzzanti-Scaramella.


Insomma: come dire che Brunetta e’ alto, figo, e pure simpatico. Lo stile e’ lo stesso, la menzogna sparata in prima pagina, sperando che diventi realta’ inconfutabile agli occhi acuti dei lettori-elettori. Ciarpame senza pudore.



4)La Binetti votera’ la proposta del PDL sul testamento biologico. Non e’ una sorpresa, ovviamente. E solo la riprova che certa sinistra ama autoflagellarsi.



5)Si sta per mettere mano alla Costituzione, l’uguaglianza dei cittadini e’ come i diritti dei lavoratori: flessibile. Domani a Starsburgo votano la risoluzione sulla liberta’ di stampa in Italia, precipitata, leggo oggi,  al 49 posto nella classifica di Reporters sans Frontieres. La risoluzione rischia di fallire perche’ non se ne sa nulla, e perche’ i nostri rappresentanti al Parlamento europeo potrebbero essere in tutt’altre faccende affaccendati. Possiamo solo sperare in un consenso trasversale ai vari gruppi, ma tutti i cristiano - democratici, gruppo al quale appartiene il PDL, copriranno Papi. Per loro il problema e’ tutto italiano. E poco importa se Papi sta per mettere le mani anche sul digitale spagnolo.


 


 


 



6 commenti:

  1. Tremonti è stato toccato dallo spirito santo.
    Non sanno più che cosa inventarsi per salvarsi dal naufragio.
    A Strasburgo si vedrà se c'è ancora una sinistra rispettabile.

    RispondiElimina
  2. fulminato sulla via di Damasco...

    RispondiElimina
  3. Sembra che al parlamento europeo, di quello che succede in itaGlia, non iNporti molto...Se ne accorgeranno..

    RispondiElimina
  4. @Angelo, finiranno col cacciarci dall'Europa. Ad ogni buon conto, fossi in te, farei un pensierino per il passaporto, ovemai tu dovessi tornare in Germania.

    RispondiElimina
  5. Guisito: la cattiva notizia e' che la risoluzione non e' passata, la buona che la differenza e'stata di soli 3 voti. Inoltre la risoluzione contraria non e' passata per un numero di voti ben piu' alto.
    Comunque speriamo di cacciarli prima noi, dall'Italia...
    Rape: non acquisteranno mai il senso del ridicolo.
    Angelo: gli amici di papi fanno orecchie da mercante purtroppo.

    RispondiElimina
  6. Il risultato non è esaltante; dobbiamo accontentarci di piccoli passi verso l'uscita dal tunnel.

    RispondiElimina