lunedì 23 novembre 2009

oggi mi accontento cosi'

In questi giorni non scollo il sedere dalla sedia, eppure non ho  tempo da dedicare al blogghino, e neanche alla consueta lettura di Repubblica, al massimo uno sguardo fugace e basta. Oggi dedico dunque un post altrettanto fugace alla sensazione di sollievo. No, lo so, non e' ancora morto lui. Purtroppo.  Mi devo accontentare di qualche piccola cosa, per il momento.  

Sto analizzando i dati degli esperimenti che ho fatto, e i tempi sembrano biblici. E il peggio e' che non riesco a pensare ad altro, neanche quando non sto lavorando. Alla fine, dopo un paio di appuntamenti con gli esperti di statistica, e una serie di email sparate un po' ovunque, ne sto venendo a capo.  Ho finalmente avuto conferma che stavo andando nella giusta direzione. Eureka  :-) A dicembre abbiamo un congresso negli USA, e anche se presentiamo solo un poster, prima di allora vorrei almeno avere le idee un po' piu' chiare, e fare qualche altro esperimento di conferma. Dopo Natale verra' il grosso del lavoro.

Il mio cellulare, che dopo appena un anno e mezzo di onorato servizio sembrava aver tirato le cuoia, e' resuscitato, una batteria nuova ha operato il miracolo. Mi stavo quasi rassegnando all'idea che avrei dovuto cercarne un altro. Dopo la conferma di cui sopra ho deciso che potevo anche andarmene a casa prima, e approfittarne per passare da un negozio di cellulari. Tutti gia' chiusi, ovviamente, tranne quello turco. Tentar non nuoce, mi dico. Un omone di pochissime parole, faccia truce e colletto della camicia sufficientemente aperto da fare indovinare un petto molto villoso apre la vittima, preleva la batteria e mette dentro una nuova batteria. Voila'. Musichetta, schermo, welcome! L'omome picchietta con un dito della manona sulla batteria vecchia e fa: is de batterai... U fel cost de batterai? -chiedo io- tuinteg iuro- fa lui. Gli do i venti euro e me ne torno a casa, felice come una pasqua.  

E adesso vado a farmi due pennette al pesto ;-)

A presto

10 commenti:

  1. Visto?? Una batteria risolve seNpre...putroppo il mio vecchio cellulare ha resistito a tutto, ma non alla furia devastatrice della biNbetta arrrrabbiona: ha strappato la tastiera a morsi!

    RispondiElimina
  2. Beh, forse a forza di piccole gioie ne arriverà pure una grande!

    ---Alex

    RispondiElimina
  3. @Angelo: dovresti farti risarcire dal produttore... tanto mica conoscono la bimbetta ;-)
    @Alex: speriamo, il cero alla madonna e' sempre pronto

    RispondiElimina
  4. però le pennette al pesto...quasi quasi...

    RispondiElimina
  5. rape, quando vuoi ti invito con piacere! qui trovo il basilico fresco e profumato tutto l'anno ;-)

    RispondiElimina
  6. e secondo te qui in liguria no????

    RispondiElimina
  7. @angelina: E come le giustifichi le dentinate sul telefono e la tastiera??

    RispondiElimina
  8. Io, quando il morale mi cade nei calzini, mi attacco agli spaghetti alla puttanesca; se vuoi la ricetta fammelo sapere. Altro che pennette al pesto.

    RispondiElimina
  9. @angelo: c'era scritto che non si poteva prendere a morsi? no? e allora non vale! ti devi fare risarcire !!
    @guisito: ti ho lasciato un messaggio da te, e certo che voglio la ricetta ! :-P

    RispondiElimina