lunedì 12 aprile 2010

le preoccupazioni del ministro

Dunque, in Afghanistan ci sono quelli di Emergency, gente che fa un lavoro per niente simpatico, rischiando la pelle per aiutare altra gente che le forze militari di vari paesi cosidetti civili, massacrano un giorno sí e un altro pure. Ogni paese propaganda la propria azione come funzione di pace, o ricostruzione, o addestramento di truppe locali. Non importa. Quel che importa qui e'che ci siano civili che avrebbero volentieri fatto a meno della guerra e di tutte le sue conseguenze.  Quelli di Emergency curano la gente, quando e dove possono, rischiando essi stessi di farsi ammazzare.

Adesso succede che alcuni di loro vengano prelevati da forze afghane e Nato (inutile, se non ridicolo,  negare: ci sono i filmati, in cui si vedono almeno un paio di soldati occidentali). Sono saltate fuori delle armi. Sono accusati di aver voluto attentare alla vita di un pezzo grosso locale.

Cosa ci si aspetterebbe da un ministro degli esteri, in una situazione del genere? Non dovrebbe costui attaccarsi al telefono, scuotere la Nato, chiamare l'ambasciatore, inoltrare formale protesta per il trattamento ignobile riservato cittadini italiani impegnati in un'attivita' piu' che rispettabile? Invece ecco cosa dice (copio e incollo dal sito del Corriere) il solerte ministro Frattini a Sky Tg24:

«Prego veramente da italiano che non ci sia nessun italiano che abbia direttamente o indirettamente compiuto atti di questo genere. Lo prego davvero di tutto cuore, perchè sarebbe una vergogna per Italia».

Inoltre, secondo il suo sottosegretario gli arresti devono «far riflettere Gino Strada e la sua organizzazione, che forse da umanitario fa un po' troppa politica» «Il governo italiano -dice il sottosegretario- deve accertare la verità  e mi auguro che la verità dia ragione a Strada, ma ho delle perplessità». Infine, riferendosi al rapimento del giornalista Mastrogiacomo puntualizza che «è la seconda volta che Emergency finisce nel mirino delle autorità afghane».

Ovvio che uno come Gino Strada possa fare antipatia a molti  politici, eppure scommetterei sul fatto che a molti italiani curare i feriti sembri azione assai piu' lodevole che ammazzarli. Frattini certamente lo sa, anche se fa finta che il problema sia Emergency, e anche se non ci saranno elezioni per i prossimi tre anni. Se ha un minimo di dignita' dovrebbe fare qualcosa, prima che sia troppo tardi.

6 commenti:

  1. ma alla fien nno fan mai nulla

    RispondiElimina
  2. Ciao Tania, benvenuta.
    Io spero che il ministro, viste le reazioni non proprio positive alle sue dichiarazioni, si muova e faccia il suo dovere. Sono sconcertata da tanta superficialita' (uso un termine gentile). Sulle dichiarazioni di un la russa non voglio nemmeno entrare nel merito, mi causano solo un immenso disgusto.

    RispondiElimina
  3. "Dignità"?
    E' una parola che non conoscono, anzi, il metterla in pratica potrebbe provocar loro uno shock anafilattico.

    ---Alex

    RispondiElimina
  4. Purtroppo sembra proprio di si'. :-(

    RispondiElimina
  5. Ho appena letto che frattini scriverà una lettera al suo omologo afgano o chi per esso.. uhmmm... Gli paghiamo voli di stato e vacanze sulla neve -con la sua nuova fidanzata - mascherate da vertici internazionali ed all'improvviso vuole farci risparmiare una telefonata internazionale ???
    Nel frattempo l'ospedale è presidiato dagli "alleati" ed emergency ha dovuto sbaraccare :-( :-( :-(
    Ascolta, ti ho scritto alla mail con cui hai registrato l'ultimo commento da me ma è tornata indietro..come mai? mi scrivi all'indirizzo che ho messo qui ??
    :-*

    RispondiElimina
  6. Ciao Stella, non so perche' sia tornata indietro, ma ti scrivo da un indirizzo che funziona sicuramente.

    Quanto ai possibili scenari dietro questa faccenda, credo che Strada abbia ragione. Hanno semplicemente trovato un metodo, alquanto brutale, per liberarsi di Emergency.

    RispondiElimina