venerdì 6 febbraio 2009

Grazie

Oggi questo signore qui e' il mio eroe, non perche' abbia fatto niente di quel che normalmente definirei eroico, ma perche' ha semplicemente fatto il suo dovere. Non ha tentennato. Ha avvertito che lo avrebbe fatto. Lo hanno sfidato, con tutta l' impudenza che li caratterizza. Ma questo signore qui ha fatto il suo dovere. Visti i tempi, non e' poco.  Dire no all' indegno spettacolo di questi giorni si puo', lui l' ha fatto, e io mi inchino. Grazie, signor Presidente.images.jpeg

7 commenti:

  1. Finalmente!
    Mi associo al ringraziamento, anche se avrei preferito che non avesse mandato la lettera al consiglio dei ministri. Sarebbe stato un segnale molto più forte.

    RispondiElimina
  2. Vorrei ringraziarlo spesso !

    RispondiElimina
  3. m'inchino anch'io angelina e concordo sul fatto che non abbia fatto nulla di straordinario o eroico, ma soltanto il suo dovere!!!
    Grazie, Presidente!!

    RispondiElimina
  4. @angelo: secondo me la lettera non e' stata un segno di debolezza, ma un ultimo tentativo di fare rimanere la faccenda nei limiti della correttezza istituzionale. Ma siccome B. e' , dal punto di vista istituzionale (e non solo...) un cafone, ha tentato il colpo grosso, lo scontro frontale.
    @biafra: purtroppo credo che avremo molte altre occasioni per ringraziarlo
    @stella: hai visto che cominciano con i video-testamenti su facebook?

    RispondiElimina
  5. @Angelina: Più che un segno di debolezza rappresenta la volontà di tenere in piedi un dialogo impossibile. Lo sanno anche loro che quel decreto è incostituzionale, e deliberatamente hanno cercato lo scontro. La lettera era una cosa privata tra napolitano ed il nano...Invece, non solo l'hanno resa pubblica, ma hanno messo anche Napolitano sotto una cattiva luce. Dai cinegiornali di regime è passato il messaggio che la lettera rappresenterebbe una specie di ingerenza del capo dello stato sul consiglio dei ministri...Alla fine quello che non fa le cose a modo è Napolitano!

    Secondo me sarebbe stato meglio stare zitti e seguire la prassi, cioè non firmare il decreto perché palesemente incostituzionale...senza cercare conatti "impossibili" con quella gente.

    RispondiElimina
  6. Ti offendi se metto il tuo link sul mio blog???

    RispondiElimina
  7. Francesca, benvenuta. Fai pure e grazie! ;-)

    RispondiElimina